Estensione del dominio della lotta di Michel Houellebecq

Su un muro della stazione Sèvres-Babylone ho visto uno strano graffito: Dio ha voluto ineguaglianza, non ingiustizie, c’era scritto. Mi sono chiesto chi potesse essere quella persona così bene informata sulle intenzioni di Dio“. Geniale.

Lo ammetto, solitamente non mi faccio intimidire dalla quarta di copertina, ma questa frase mi ha conquistata, e soprattutto mi ha strappato una risata. Michel Houellebecq si è già presentato al grande pubblico, o meglio, l’ha già fatto discutere grazie a “Le particelle elementari” e la stessa polemica è facilmente individuabile anche in “Estensione del dominio della lotta“, Bompiani, anche se più che romanzo lo definirei un trattato sulla disillusione.

L’apatia dei trentenni viene messa duramente sotto accusa, ma soprattutto la loro solitudine, il tutto condito da una evidente nota di sarcasmo a volte difficile da sostenere altre talmente surreale da divertire.

Scarsa considerazione dell’altro, soprattutto quando l’altro diventa al femminile, ma non per disprezzo bensì per noia, il lavoro, e il tempo libero, ogni ora della giornata che conferisce il titolo di bravo cittadino viene smontato e reso inutile da una spietata visione realistica del presente.

Come ho avuto modo di constatare più volte, le sventurate che cadono in mano agli psicanalisti diventano definitivamente e letteralmente inutilizzabili. Questa conseguenza non va considerata come un effetto secondario della psicanalisi, bensì come il suo scopo principale. Con l’alibi della ricostruzione dell’io, in realtà gli psicanalisti procedono a una scandalosa demolizione dell’essere umano, Innocenza, generosità, purezza… tutto ciò viene, rapidamente triturato dalle loro rozze mani. Gli psicanalisti, pinguemente rimunerati, supponenti e stupidi, annientano definitivamente nei loro cosiddetti pazienti qualunque attitudine all’amore, sia mentale sia fisico; in pratica si comportano da veri e propri nemici dell’umanità.

Ovviamente il romanzo ha una trama, scontata e per nulla appassionante, sono i pensieri del protagonista a meritare attenzione, senza necessariamente condividere ogni cinismo narrato.

Estensione del dominio della lotta

Michel Houellebecq

Tascabili Bompiani

Euro 6,50

3 thoughts on “Estensione del dominio della lotta di Michel Houellebecq

  1. Pingback: Buongiorno Pigrizia di Corinne Maier, le certezze che crollano | Libri e Parole

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *