Palermo è una cipolla, il capolavoro di Roberto Alajmo

Gli stranieri turisti, quelli che in Sicilia non ci sono mai stati, leggono con assoluta incredulità il libriccino capolavoro di Roberto Alajmo, Palermo è una cipolla, Editori Laterza; i palermitani, di contro, sogghignano, sottolineando che è tutto vero, chi è rimasto ne va fiero chi se n’è andato scuote la testa sconsolato. Perché Palermo è come una cipolla, la si può scoprire togliendo strato dopo strato, e non è detto che il cuore sia meglio della buccia, ma il gusto della novità rimane intatto. L’autore avverte l’incauto visitatore, lo mette in guardia da possibili pericoli, stranezze tipiche della Città, Palermo appunto, stranezze di difficile comprensione; Roberto Alajmo spiega ogni dettaglio di questa caotica e ineguagliabile realtà, e alla fine te ne innamori, o la odi, dipende dalla capacità di adattamento di ognuno.

In quanto viaggiatore ben attrezzato sei tenuto a sapere che in Città e nei dintorni l’abusivismo edilizio è quasi l’unico intervento urbanistico di recente realizzazione. Specialmente nel centro storico o in prossimità della costa i vincoli sono molto severi, tanto che nessuno si azzarda a costruire, tranne la categoria dei mascalzoni senza scrupoli. Se si esclude il nuovo palazzo di Giustizia, dal dopoguerra a oggi quasi mai è arrivata una significativa committenza architettonica di qualità, pubblica o privata. La regola formale è che non si può contaminare antico e moderno. Il risultato della regola è che questa generazione sarà la prima e unica , nella storia dell’umanità, a non lasciare traccia del proprio passaggio sulla terra. Nessun intervento qualificato, almeno. Quando fra mille anni li storici dell’arte si interrogheranno sullo stile architettonico in voga fra novecento e duemila, la risposta non lascerà scampo: l’abusivismo edilizio.

Ironico e drammatico, Palermo è come un cipolla, riesce a descrivere con estrema perizia il complicato capoluogo siciliano e la sua gente, i suoi profumi, colori e abitudini. Caratteristiche indelebili di un modo d’essere, di vivere e di fare le cose perché così si è sempre fatto. Ma chi sa leggere tra le righe del libro di Alajmo oltre alla classica polemica scorge un’indefinibile tristezza, perché ci si è rassegnati, assieme a un amore profondo per questa incredibile terra. Palermo, città bellissima e in eterna contraddizione, regno dei Normanni, degli Arabi e della mafia, ricca, ricchissima, e contemporaneamente cianciosa e puzzolente.

Su questo piano gli sguardi della Città sono una garanzia di esistenza di vita. Perché qui esiste incrociando un passante, almeno la remota possibilità di una conoscenza. (…) lo sguardo almeno uno sguardo non si nega a nessuno. Il primo sguardo è comunque un contatto dal quale possono conseguire mille e nessun effetto. Intanto, però, c’è. E due sguardi che si incrociano non mancano mai di promettersi a vicenda le storie che hanno da raccontarsi. Al contrario in una metropoli gli sguardi scorrono addosso e non si fermano mai. (…) Gli sguardi della Città esprimono sempre una mancanza di indifferenza che può essere ferocia o dolcezza, a seconda dei casi. Ma qualcosa esprimono sempre.”

Libro da leggere, perché capire la Città aiuta a capire l’Italia.

Palermo è come una cipolla

Roberto Alajmo

Editore Laterza

Euro 10,00

One Reply to “Palermo è una cipolla, il capolavoro di Roberto Alajmo”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *