Tecniche di masturbazione fra Batman e Robin, inusuale manuale d’amore

Perché decidiamo di comprare un libro? Vaghiamo tra le pareti austere della libreria, e cerchiamo imperterriti un volume, un testo che ci dia… Cosa? A volte conosciamo l’autore, e il pensiero di andare sul sicuro ci rallegra, salvo poi riscontrare ignobili realtà, in quel caso gli istinti omicidi appartengono a tutti. Recensioni accattivanti, consigli degli amici, la quarta di copertina, la copertina… Ebbene, Tecniche di masturbazione fra Batman e Robin l’ho scelto per il titolo. Certo Efraim Medina Reyes già lo conoscevo, più o meno per lo stesso motivo, con Ho conosciuto l’amore ma ho dovuto ammazzarlo si è conquistato un posto nell’oramai straripante libreria di casa. Ma se il conosciuto rappresentava un romanzo più o meno d’amore, Tecniche di masturbazione tra Batman e Robin è un caotico insieme, un caos talmente surreale da risultare alla fine armonioso, o quanto meno coinvolgente.

Non è un romanzo, anche se a tratti alcune storie si intrecciano, cerca di essere un manuale d’amore, con scarsi risultati, confonde, salta da un dettaglio a un altro, con fatica il lettore rincorre l’autore disperso tra i suoi deliri ragionati. Da leggere.

La trama? A mio avviso non c’è, nel senso che non interessa, vita e morte si incrociano narrate dal presunto protagonista, Sergio “Lingualunga”, che passa dall’io narrante all’oggetto del racconto, allo scrittore incompreso. Nel mezzo alcune chicche di squisita realtà:

“Com’è l’uomo giusto?Forse un perfetto incrocio tra una macchina del sesso, uno zombie e Stanlio e Olio?”

Mai per nessuna ragione devi essere te stesso, se ti fosse servito a qualcosa essere te stesso non staresti leggendo questo manuale. In un mondo più giusto, tutti avremmo l’aspetto fisico di un divo della televisione, l’intelligenza di una vecchia volpe e l’aggressività di un guerriero celtico, ma sai per dolorosa esperienza che questo mondo non è giusto, che la maggior parte di noi ha l’aspetto fisico di una vecchia volpe, l’intelligenza di un divo della televisione e l’aggressività di una torta di compleanno.

Ti consigliamo di imitare qualcuno, chiunque sia meglio di te, non ti sarà difficile trovarlo. Una volta che avrai cessato di essere te stesso ti sentirai subito più sicuro e predisposto, che rischio può correre qualcuno che non è neppure se stesso?”

Tecniche di masturbazione fra Batman e Robin

Efraim Medina Reyes

Feltrinelli

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *