Le liste minacciose dell’estate e la cultura snob di chi legge

leggereCi siamo, è estate, e come ogni anno ecco che veniamo sommersi da improbabili liste: “I 10 libri da leggere in estate”, “I 100 libri da leggere prima di morire” , 10, 20, 30, 40 …. libri da leggere al mare, in montagna, al lago, da solo in città. Il periodo caldo si trasforma in una corsa al consiglio, e tra i tanti anche i libri finiscono nel calderone.

Ma.

Ebbene si ho un ma, in moltissimi casi, praticamente tutti, la lista dei libri rivela i medesimi titoli. Possibile?

Come può essere che il sito per lei, il sito super culturale, il sito gossiparo e il sito per la mamma casalinga ma non troppo suggeriscano gli stessi identici libri?

Ho solo una semplice e modesta soluzione a questo dubbio amletico di metà luglio: le liste proposte non sono studiate ma semplicemente marchette per soddisfare le case editrici, da un lato, e il lettore distratto dall’altro. E così vissero tutti felici e contenti, Google compreso.

Non tutti a dire il vero. Non è felice il portale che fa una seria valutazione dei libri da proporre e si ritrova a venire sommerso dai mille articoli simili, e non è felice il lettore alla ricerca di nuovi titoli (io) perché si ritrova sempre le stesse identiche proposte, tanto da iniziare a ipotizzare che il mercato si sia fermato a quei 10 e non sia più in grado di andare oltre.

Alle liste poi si aggiungono i giochini, dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei, a quale personaggio femminile/maschile della letteratura assomigli, e così via. Drammatico. L’ultimo appena intercettato: Dimmi che abbronzatura hai e ti dirò che lettrice sei, o qualcosa di simile. Grandiosa follia.

Non che ci sia nulla di male a giocare e divertirsi con questi quiz, ma ricordo ai portali che si manifestano come super culturali, sopra la media, alto acculturati, che questi giochini sono identici ai famosi quiz da spiaggia: l’uomo perfetto per te, dimmi come dormi e ti svelerò il tuo prossimo amore, e così via.

Nulla di male, scrivevo, ma cerchiamo di tirarcela meno e affrontare di petto la realtà: in rete amerei vedere e incontrare meno snobbismo e più concretezza. Meno critici e più lettori, meno opinionisti e più normalissime persone che come me amano leggere, amano andare in vacanza, e ogni tanto si divertono a giocare con i quiz (si, ma senza esagerare).

Che ne dite? Sono troppo  pretenziosa?

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *