Scritto nel vento di Beatriz Williams, piacevole brezza

scritto_nel_ventoSe siete alla ricerca di un romanzo d’amore piacevole, ma non eccessivamente rosa, capace di far intravvedere tragedie e incanti senza stucchevoli e eccessive dimostrazioni d’amore, Scritto nel vento di Beatriz Williams, Editrice Nord, potrebbe soddisfare i vostri desideri. Il romanzo scorre, la storia regge e l’amore tra i protagonisti tramuta grazie alle parole ricercate dell’autrice, crescendo a sua volta assieme a ogni personaggio;  la scelta temporale, una sorta di balletto tra il 1931 e il 1938, si intreccia capitolo dopo capitolo, donando ritmo all’evoluzione della storia e portando il lettore a scoprire in maniera graduale scandali e pettegolezzi. Passato e presente presentano una storia diversa, certamente romantica,  ma anche avventurosa, dalle sfumature delicate e i confini tra amore e  desiderio diventano sempre più sottili.

Lily è una ragazza sveglia, intelligente, romantica, incapace di concepire la cattiveria e la gelosia, Budgie è la sua migliore amica, bellissima, scandalosa, due giovani donne protagoniste di quell’America sopravvissuta al ’29; gioventù, crolli finanziari, amanti e relazioni impossibili portano le due amiche a un rapporto decisamente poco idilliaco, a tratti subdolo. Rivali, non in amore quanto in aspettative. Beatriz Williams coglie ogni sfumatura di quel periodo, dal proibizionismo alla guerra, e si destreggia abilmente scivolando con grazia nel dettagli di quel passato.

Protagonista indiscusso l’amore, quello che resiste, granitico, capace di perdonare e di andare oltre, oltre i pettegolezzi, le cattiverie, l’invidia. Da giovane e ingenuo fino ad abbracciare i sopravvissuti. Un amore che come un uragano, nasce dal nulla, devasta, e si placa.

Perché no, in fondo? Perché non accettare qualche appuntamento galante? Perché non permettere a zia Julie di tagliarmi i capelli e mettermi il rossetto? Perché non accorciare la gonna di un paio di centimetri e lasciare che un altro uomo mi baciasse? Perché non dimenticare?

Personalmente ho apprezzato particolarmente il capitolo dedicato all’uragano, non ne ho mai vissuto uno in prima persona (per fortuna), ma leggendo sono riuscita ad immaginarmi ogni suono, colore, paura. L’autrice riesce a trasmettere gli orrori e la totale successiva desolazione.

Il mare era davanti a me, ma la spiaggia era sparita, risucchiata dai marosi, sempre più alti e violenti, che lambivano la base della collinetta su cui sorgeva la villa di Budgie. Non vedevo altro che acqua: niente cielo né case, nessun’auto lungo il viale. E nemmeno le sagome familiari di Nick e Kiki, l’uno accanto all’altra come li avevo visti per tutta l’estate.

Da leggere, per viaggiare con la fantasia, per sognare, per il piacere di una storia.

Titolo: Scritto nel vento

Autore: Beatriz Williams

Traduttore: Elena Cantoni

Editore: Editrice Nord

Anno: 2014

Prezzo: 16, 60 Euro; disponibile anche per eBook

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *