Due giorni con Davide Calì, che storie!

La_Regina_delle__51850f02484c9Riemergo da un fine settimana intenso, di quelli che mettono a dura prova fisico e soprattutto passione, che ti fanno dubitare e contemporaneamente caricano l’anima, una sorta di concentrato di energia positiva; ma, devo ammettere, che riemergo anche con tante, tantissime domande, una su tutte: ma io… che ci faccio qui?

Andiamo con ordine, sabato 13 e domenica 14 giugno a Padova Davide Calì, noto scrittore per l’infanzia, ha tenuto un workshop a Padova, presso Artelier: Una valigia piena di storie (se siete interessati Davide terrà un altro corso sempre a Padova il 25 e 26 luglio prossimi). Un laboratorio di scrittura creativa, dove non solo si scrive ma si inventano storie per i bambini, storie di tutti i tipi, con pretese o semplicemente divertenti, storie infinite, storie che amano ripetersi, storie fantastiche, storie già sentite (ecchisenefrega).

Un divertimento incredibile, ma anche una fatica enorme. Oltre a suggerirci i grandi argomenti da cui prendere spunto per creare la storia, in quindici minuti, Davide ci ha mostrato tanti, tantissimi, albi illustrati, disegni, stili narrativi e illustrativi, un materiale ricco e utile, perché prima di provare a fare qualcosa, qualsiasi cosa, è necessario documentarsi, capire, intuire.

Davide non distrugge nulla di quello che prende forma durante i suoi corsi, io però ho immaginato una sorta di classifica di gradimento:  carine (somma), bella veramente bella (ecco ci sei quasi), bene sviluppala e mandamela (ecco qui potresti aver azzeccato la storia giusta), applauso (è fatta!).

Chi ha beccato l’applauso? Ovviamente non ve lo dico, andate, scrivete, proponete, e sono certa che lo potete conquistare anche voi.

non-ho-fatto-i-compiti-perche-libro-72403Ora, per tornare all’inizio del post, io che ci facevo in quel corso? A dire il vero ho semplicemente seguito l’istinto, carambolesco genio del male il mio istinto ultimamente pare un ubriaco impazzito che tira una corda, una spessa e robusta corda che non intende lasciarmi andare. O forse sono io che mi sto incollando a lei.

Ma i dubbi sono leciti. Non averne ed essere convinti di ogni riga che si scrive, storia che si crea, romanzo che prende forma, è, a mio avviso, da pazzi.

Quindi riemergo carica, non troppo, entusiasta, con garbo, con più dubbi di prima, ma credo sia normale, almeno per me.

Ora però torniamo al succo di questo blog, le letture che vi consiglio sono due, e entrambe portano la firma di Davide Calì, in realtà non era così scontato ma tra i tanti libri proposti è innegabile che questi sono quelli che mi sono piaciuti di più:

La regina delle rane e Non ho fatto i compiti perché … (di questo me ne sono innamorata, lo ammetto)

Conclusioni: non so se questa sarà la mia, ennesima, strada, ma quello che so è che mi sto divertendo un mondo (nonostante i mille dubbi), e tanto basta.

AGGIORNAMENTO:

Davide sottolinea: per quel che riguarda l’interpretazione, un piccolo errore: quando dico bella, è già bella, da lavorare e pubblicare. l’applauso va per le storie molto originali e già perfette, per quanto poi ogni cosa vada lavorata. so che dopo i corsi la carica cala, bisogna saper recuperare la voglia di completare quello che si è cominciato!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *