Gli ipocriti, romanzo amaro di Eleonora Mazzoni

EleonoraMazzoni_GliIpocritiL’adolescenza, sospiro, periodo così confuso, battagliero, capace di scombussolare e stravolgere interi nuclei famigliari; contemporaneamente così bello, nuovo, profondo, anche nelle sue mancanze di giudizio che diventano affascinanti nonostante i nervi dei genitori siano messi a dura prova. L’adolescenza, così difficile scriverne, perché cadere nei cliché e negli stereotipi è talmente semplice, e ritrovarsi con un esercito di zombi governati dagli ormoni un rischio davvero elevato, eppure…

Eleonora Mazzoni presenta oggi il suo nuovo romanzo: Gli ipocriti, per Chiarelettere, protagonista un’adolescente strampalata, come tutti gli adolescenti,  pronta ad esplodere come una bibita gassata agitata ripetutamente, ma la Mazzoni non scrive solo l’adolescenza, no, scrive anche di un movimento religioso, di fanatismo, di pedofilia, di potere, e lo fa prendendo in prestito lo sguardo spietato di una quindicenne. Spietato, come solo gli adolescenti sanno essere quando iniziano a mettere in discussione le certezze dell’infanzia e si ritrovano soli di fronte alle mancanze degli adulti.

Manu è una ragazzina molto intelligente, lei e la sua famiglia sono attivisti di un movimento religioso, tranne la sorella, scappata a Londra, un movimento rigido e convinto che vivere senza il suo credo equivalga a morire, tra riunioni, incontri, volantinaggi in strada, la ragazzina offre al lettore un quadro preciso della sua vita, ma soprattutto fa intuire come lo scoprire che il suo babbo, uomo assolutamente ineccepibile, onesto boss del movimento, non sia affatto quello che lei credeva, anzi. Manu spia i suoi genitori e la verità travolge ogni sua certezza, nessuna famiglia, nessun noi, solo menzogne e polvere sotto al tappeto.

Fermo i miei pensieri e le mie sensazioni. Non valgono. Solo Cristo vale. Dai. Cristo mi corrisponde. Sì. Collima. Sette pentole e sette coperchi. Ricordi Manu? Ma sì. Cristo collima. Il movimento collima. È proprio il coperchio adatto a me. Anche se io non mi sento una pentola.
Mi scoppia la testa per il casino.

Con uno stile dirompente, l’autrice prende in prestito parole e modi di dire degli adolescenti e se inizialmente si ha la sensazione di venire catapultati in un mondo extraterrestre, pagina dopo pagina non si può che amare la protagonista, amare ogni sua singola paura, vergogna e gioia.  Il fiume in piena che travolge Manu trascina anche il lettore che si ritrova ammaliato dalla profondità dei suoi pensieri, conditi dalla giusta ingenuità dettata dalla giovane età. E quel babbo, così stronzo nelle primissime pagine, così lontano e simile a un lupo in attesa, diventa un essere umano come tanti, schiacciato dalle mille incertezze, l’unica ancora rimasta quella figlia che così duramente l’ha giudicato.

Non so perché quest’uomo che si fa chiamare babbo mi fa sentire invisibile. E sbagliata. Non riesco neppure ad alzarmi per vomitare, mi sgamerebbe. E ricomincerebbe a rompere. Ho le gambe inferocite e la pancia piena di carboidrati e companatico ad altissimo tasso calorico. Per calmarmi pigio la mollica del pane tra le dita. L’appallottolo. Poi colpisco la pallina con l’indice e la faccio volare giù dal tavolo. Svariate volte. Quando il babbo finisce di smanettare con il cellulare, la mattonella di cotto davanti ai miei piedi è tutta bianca. Rimaniamo in silenzio seduti a mangiare. Stiamo qui. Pure presenze mute. Fuori da un contesto codificato, tipo casa o movimento, io e mio padre non abbiamo assolutamente nulla da dirci. La mia vita gli è indifferente quanto quella delle zucchine trifolate che mi sto mettendo nel piatto

La scrittura di Eleonora Mazzoni è agile, i capitoli a volte brevi e altri lunghi e contorti, sembrano seguire le emozioni stesse della protagonista, mentre il babbo inizialmente solo attore involontario cerca di spiegare verso la fine del testo anche le sue ragioni tramite lunghe, lunghissime lettere e pensieri difficilmente giustificabili.

Gli adolescenti perdonano gli errori degli adulti? Forse, non sempre, certo quando diventano adulti a loro volta cercando di comprenderli, ma se gli errori hanno inciso profondamente l’anima la comprensione è troppo, perfino per Manu, eppure crescendo si ritorna là da dove siamo partiti e si cerca, quasi sempre, l’abbraccio che per svariati motivi ci è stato rifiutato.

Un bel libro, lo consiglio, per capire, o semplicemente per conoscere Manu.

Gli ipocriti, Eleonora Mazzoni, Chiarelettere, 2015

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *