ErbaMETE_300dpi

Fra me e te, di Marco Erba

Edo e Chiara sono il ritratto di due adolescenti esemplari: incasinati, innamorati, arrabbiati, tristi e euforici. Ma quello che me li ha fatti amare davvero è che sono due ragazzi svegli, molto svegli, capaci di autoanalisi, di cadere e rialzarsi, di perdonare e capire. La vita non fa sconti a nessuno, ma non tutti sono guerrieri come questi protagonisti.

5146-emons---spiccioli-per-il-latte---quarta---varie

Spiccioli per il latte. Il primo caso del commissario Kluftinger

Una sorta di Montalbano tedesco, con tanto di amore passionale per il cibo, tedesco, infinito affetto verso i luoghi incontaminati dove vive, in Algovia. Intuitivo e intelligente il commissario Kluftinger conquista tutti, e la sua prima indagine è ben fatta, uno dei rari casi che mi vede verso tre quarti del libro alla non certezza dell’assassino. Ma, e qui parto col primo ma…. mannaggia agli editori italiani, ma che razza di titolo avete scelto? Ma vi rendete conto che è uno spoiler?

img_copertina.fw

21 maggio alla Sapienza. Sabato al Museo – Narrazioni per non addetti ai lavori

Alle ore 16.30 l’edificio di Geologia-Mineralogia ospiterà l’appuntamento “Oltre la scienza: l’esperienza narrativa di Davide Bonadonna e Martin Rua”, due giovani autori di successo, rispettivamente illustratore scientifico il primo, scrittore il secondo che descriveranno il loro modo di raccontare la scienza. L’incontro sarà moderato da Silvia Bencivelli, giornalista scientifica e conduttrice radio-televisiva. Introduce G. Scarascia Mugnozza, Prorettore per i rapporti culturali con il territorio.

9788852073380-il-cappotto-della-macellaia_copertina_piatta_fo

Il Cappotto della Macellaia, di Lilia Carlota Lorenzo

La Macellaia è in realtà la maestra di Palo Santo, paese argentino di sole 207 anime. Anime decisamente inquietanti, pettegole, meschine, vendicative. A ragion del vero bisogna sottolineare che ne Il Cappotto della Macellaia, di Lilia Carlota Lorenzo, sono le donne le anime più nere e contorte, gli uomini sembrano abbastanza succubi del loro potere, anche se causa diretta di tutti i mali.

51d0BZCKVuL._SX330_BO1204203200_-200x300

Una famiglia quasi perfetta, di Jane Shemilt

Una figlia che decide di sparire nel nulla lascia una scia di dolore incredibile, una madre che cerca di capire il perché può risultare a tratti insopportabile, senza offesa ma se un domani mia figlia a quindici anni scappa con un uomo adulto, spacciatore, mentre è incinta di un altro, prima vado a riprenderla e poi, forse, cerco di capire il perché. Il padre traditore alla fine è il male minore in una casa dove tutti convivono ma nessuno si accorge dell’altro.