AncheFrancescoLeDiceva_cover_cartaceo

Anche Francesco le diceva, di Natale Fioretto

AncheFrancescoLeDiceva_cover_cartaceoLe parole sono importanti, e a volte fanno male. Ma parole oscene, sconce e indecenti fanno comunque parte del nostro vocabolario. Anche se non amiamo ammetterlo. La parolaccia ci scappa, eccome.

Estetica e etica trovano grande spazio nelle parole da non dire, eppure anche loro hanno un indice di gravità. Il saggio di Natale Fioretto è simpatico e decisamente attuale, Anche Francesco le diceva. Una riflessione sociolinguistica sull’uso delle parolacce, si presenta al pubblico come una riflessione fresca, ricca di note e considerazioni. Il fine è farci riflettere sulla parola proibita e sulla sua gravità, ma anche sorridere sulla sua variabilità.

La parolaccia, o turpiloquio, può essere debole, vivace, forte e tabù, e, udite, udite, Natale Fioretto, non solo le studia, le approfondisce, ma le eleva anche di livello, portandole al ruolo di indispensabile colore, ruolo tanto caro agli scrittori. Una presa di posizione assolutamente condivisibile.

Siamo erroneamente portati a pensare che il turpiloquio
tolga pregio ed efficacia alla comunicazione, ma da un
punto di vista squisitamente linguistico i termini «turpi»
non inficiano la comunicazione, semmai la arricchiscono
di connotazioni di varia pregnanza provocando risposte
di tipo neurologico e psicosociale. Tale fenomeno investe
tanto il campo della competenza linguistica o comunicativa,
quanto quello culturale.

L’autore ci ricorda che la parolaccia, quella che colora l’intervento verbale, è spesso usata dalla satira, o dai politici, sebbene viene definita illecito penale. Non solo, sottolinea che anche i Santi a volte…

Eppure, anche la parolaccia evolve, si trasforma e cambia, così come la lingua italiana ci ha abituati ad attendere:

Un altro esempio di un tale processo perfettamente riuscito
è rappresentato dal termine «casino», nato come
aperto volgarismo con il significato di postribolo, bordello
“slittato” a rappresentare un semplice intensivo in espressione
del tipo: «È un vero casino!»

Un saggio assolutamente godibile, interessante, e capace di incuriosire il lettore senza mai stancarlo. Natale Fioretto, inoltre, sembra voler lodare la parolaccia proprio perché capace di dare spessore e tonalità al discorso stesso, e riesce a farci riflettere su questo uso così poco amato e approfondito.

Siamo tutti snob, anche se tendenzialmente… anche noi le diciamo.

Un ennesimo improperio che scuote lo spettatore costringendolo
a riflettere e a un’attenzione costante, densa di aspettative.
Siamo, infatti, abituati per consuetudine e convenzioni
sociali a considerare disdicevole esprimersi in maniera volgare
e, di conseguenza, a rigettare il turpiloquio senza soffermarci
sulle qualità comunicative di certe espressioni.
Non si può catalogare il turpiloquio come inadeguato alla
comunicazione

Anche Francesco le diceva. Una riflessione sociolinguistica sull’uso delle parolacce – Natale Fioretto – Graphe.it edizioni – 2016 – Prezzo 5,00 euro – Disponibile anche in ebook

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *