L’arte della magia, di Terry Pratchett

Il genere fantasy si suddivise in tantissime sottocategorie, storie su storie per tutti i gusti e aspettative. Ma, a mio avviso, ci sono i generi fantasy, epic, romantic, ecc.,  e poi c’è Terry Pratchett. Per i grandi critici in realtà Terry Pratchett rientrava nella categoria del fantasy umoristico, ma la saga dedicata a Mondo Disco è talmente sarcastico e fuori da ogni schema che va oltre ogni etichetta letteraria.

L’arte della magia è il primo romano ambientato a Mondo Disco , un mondo inventato talmente folle da poter mandare in pensione ogni scrittore fantasy della storia dell’umanità: è un mondo piatto a forma di disco, che si appoggia su quattro elefanti giganteschi a loro volta adagiati su una enorme tartaruga.

b58c4-discworld_by_barnsdale11-d41sq9s

Foto | terra-libera.org

I mari sono protagonisti di questo mondo, tanto da cadere nell’infinito dell’Universo. Quindi, chi cade in acqua rischia di perdersi oltre la tartaruga. Oltre il Bordo…  il nulla. o forse no?

In realtà, c’è chi ha posizionato delle reti per recuperare oggetti, relitti, e eventualmente qualche stupido schiavo.

Protagonisti del primo romanzo uno strambo ometto, Duefiori, con Bagaglio dotato di forte personalità e un mago poco mago, Scuotivento, nel senso che sa un solo incantesimo.

Un romanzo talmente assurdo e fuori da ogni schema da risultare imperdibile.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *