niccolo-gennari-l-incanto-del-tempo

L’incanto del tempo di Niccolò Gennari

niccolo-gennari-l-incanto-del-tempoDifficilmente accetto di leggere fantasy italiano, ammetto il mio limite, ho sempre paura di inciampare in quel già letto che rischia di trascinarti verso la noia. Ma, e sottolineo il ma, a volte mi lascio trasportare dell’istinto, e a volte vengo premiata. L’incanto del tempo di Niccolò Gennari è uno di questi rari casi.

Un romanzo fantasy classico ben costruito, capace di ricordare i grandi ma senza mai tradire il lettore, ben scritto fluido e con la giusta dose di colpi di scena e battaglie.

Certo, a tratti anche L’incanto del tempo mi ha lasciata perplessa per i diversi accenni a quel già letto, ma la trama e i personaggi rendono comunque originale il tutto, e quei richiami non disturbano ma rendono onore all’autore che si dimostra attento e scrupoloso.

Un mondo terrorizzato dalle ombre, ma che alle stesse ombre deve la sua luce, maghi immortali capaci di tramandare misteri, magia e anima di padre in figlio (o figlia), creature malvagie e potentissime streghe.

Ingredienti perfetti per un bel fantasy soprattutto se la missione riesce a catturare la fantasia di chi legge.

Xinti il 43° è un mago apparentemente giovane ma che vanta , appunto, ben 43 Xinti precedenti. Chiamata dai maghi anziani a Karp-Thù incontra Joona un giovane spensierato amante del buon vino e della vita.

Mai coppia fu più stramba eppure assieme riescono a bilanciare forze e debolezze e sebbene raramente si fidino l’uno dell’altra il loro rapporto spicca tra tanti rancori e paure.

Un lungo viaggio, una “bacchetta” da trovare, un nemico che ancora non appare in tutta la sua malvagità.

Joona si rialzò di scatto, il goblin dietro di lui era seduto su un’altra roccia e continuava a sorridergli giocando sempre con le sue monete. Il giovane uomo lo attaccò una seconda volta e per la seconda volta questi inspiegabilmente gli sfuggì, quasi che fosse fatto di sola aria. Poi il goblin con un gesto fulmineo estrasse un pugnale dalla cinta e saltando su una parete di pietra alla loro sinistra gli fu sopra e gli spinse il pugnale contro la guancia sinistra. «Non devi fidarti di lei, porterà rovina nelle Terre del di Sopra!» E così dicendo affondò la lama, procurandogli un taglio profondo nella guancia.

Un romanzo che vi consiglio come regalo di Natale, o magari per farvi un meritato regalo, da leggere tutto d’un fiato. Personalmente credo sentiremo ancora parlare di Niccolò Gennari, o meglio mi auguro di leggerlo ancora nel prossimo futuro.

L’Incanto del tempo, Niccolò Gennari, Nulla Die Edizioni, 2016, Euro 19,90

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *