Non cercarmi mai più, di Emma Chase

_non-cercarmi-mai-piu-1384839329Devo impormi di ripetere come un mantra “Mai dare retta ai commenti di giornalisti di GRANDI testate mondiali”.

Da ripetere all’infinito.

Certo, divertente e spassoso sono variabili soggettive, ma Non cercarmi mai più, di Emma Chase a mio avviso è la cosa più noiosa e ripetitiva che mi sia mai capitato di incrociare.

L’unico dettaglio carino del romanzo è il barattolo delle parolacce, probabilmente avremmo tanti piccoli baby ricchi se lo usassimo tutti come metodo educativo: dieci dollari a parolaccia da versare dentro al barattolo, e ovviamente gli adulti sganciano che è un piacere.

Descrizione del romanzo: Lui è un ricco uomo d’affari (ovvio che è ricco, non c’è nulla di sexy in un uomo normale che tenta di arrivare a fine mese), lei la nuova dell’azienda.

Lui, stronzo, donnaiolo, bravo nel suo lavoro, amato da mamma, papà, sorella, nipote e amici, è l’uomo che non deve chiedere mai.

Lei, bella, intelligente, prima della classe, ovviamente innamorata e fidanza da circa 10 anni, quindi assolutamente candida.

Lui si innamora di lei, scopano, lui fa arrabbiare lei, lei perdona lui, e tutti vissero felici e contenti. Tranne l’ex che poverino compare e scompare come un sasso destinato all’oblio.

In realtà non  è la mancanza di originalità della trama, filone non certo unico, piuttosto la bruttezza del romanzo a lasciare interdetti.

Però, bisogna ammetterlo, i commenti in rete sono entusiasti, quindi probabilmente manco di ironia, perché non mi ha fatto ridere e nemmeno divertire.

Fatemi sapere il vostro parere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *