solo per sempre

Solo per sempre tua, di Louise O’Neill

solo per sempreSii buona, Sii carina. Sii scelta.

Solo per sempre tua, di Louise O’Neill è oggi uno dei libri più citati, consigliati, venduti in Italia. Il romanzo si presenta come “dispotico per adolescenti”, ma non ha nulla a che vedere con i romanzi del genere che ultimamente affollano le librerie.

Punto primo: è originale, molto originale. In un ipotetico futuro l’umanità è stata quasi totalmente sterminata, sopravvivono in pochi e a stento, per garantire la sopravvivenza della razza umana alcuni uomini, maschi, hanno ben pensato di creare le donne in laboratorio giusto per non sbagliare. Ovviamente già che c’erano le hanno create perfette. Belle, sempre disponibili, attente alle esigenze del marito. Ogni erede, così si chiamano i figli maschi, le femmine vengono abortite, hanno a disposizione 3 eve. Ogni erede ne sceglie una, ma attenzione a quarant’anni le eve sono vecchie e vengono disattivate.

Le eve non scelte per diventare mogli diventano concubine, le altre caste (ovvero insegnanti/suore della scuola di eve).

Dalla nascita fino ai 17 anni le eve crescono chiuse in questa Scuola, dove imparano a essere perfette per l’uomo che le dovrà scegliere. Non imparano a scrivere o a leggere, ma solo a rifarsi il trucco a dimagrire, a vomitare, a migliorare.

Da un lato la storia è assurda, ma leggendo le notizie di cronaca ci possiamo rendere conto come questo racconto non sia così lontano dalla realtà. Le due protagoniste isabel e freida, senza maiuscole perché non hanno diritto a un nome proprio,  sono belle e magre, sono in attesa che un erede le scelga.  Sono la perfezione, ma qualcosa non va come dovrebbe…

Dal punto di visto narrativo il libro funziona, anche se alcune parti sono un po’ ripetitive. La storia è in assoluto originale e si fa leggere velocemente, si insinua sotto la pelle e ti porta a riflettere sul ruolo della donna oggi, nella realtà.

Ma, ho un ma anche per questo romanzo mi dispiace, c’è un dettaglio che proprio non mi è piaciuto, e che rende il romanzo incompatibile con me: la mancanza di speranza.

Qualsiasi sia la dittatura, la storia, le regole, la ribellione fa parte della vita,  ribellione che può venire inizialmente disintegrata ma comunque porta a un cambiamento, alla volontà di un cambiamento. E questa rottura parte sempre dai giovani. Sono loro che rompono le regole, loro che creano il nuovo, loro che possono cambiare e quindi dare speranza.

Solo per sempre tua invece non dona alcuna possibilità, gli uomini fanno davvero una figura pessima, anche i giovani uomini, le donne sono oggetti da compagnia ma nulla più.

Una soluzione la trova isabel, ma davvero quella è l’unica soluzione?

Solo per sempre tua, di Louise O’Neill, Editrice Il Castoro, 2016, Euro 16,50

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *