88116716399788811671633-3-300x453

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, di Alice Basso

88116716399788811671633-3-300x453Piacevole, divertente, un romanzo che funziona. Presento così L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, di Alice Basso, perché semplicemente è vero.

Inoltre, cita Manuel Vázquez Montalbán, quindi vince a mani basse.

Ma andiamo con ordine, abbiamo un giallo, un giallo italiano, ma finalmente abbiamo un giallo senza commissario, o meglio, il commissario c’è ed è anche incantevole, ma non è lui il protagonista di questa storia. La protagonista non è nemmeno una patologa, una poliziotta con i tacchi a spillo…. no, la protagonista è una donna di circa trent’anni, una ghostwriter di Torino, una ghostwriter in stile dark punk, anche se oramai ha abbandonato da tempo quell’etichetta ed è rimasta dark solo nel guardaroba. Una sorta di Lisbeth Salander gentile, senza il pallino dell’informatica e della sicurezza.

Vani, questo è il suo nome, è una donna che non ama la confusione, fa dannatamente bene il suo lavoro e vuole semplicemente essere lasciata in pace. Scrive libri di altri, o meglio scrive libri che poi verranno venduti a nome di altri autori. Vani è una donna complicata, molto complicata, e non ama interferenze. Accetta qualche contatto solo da parte della vicina di casa adolescente, perché la ritiene molto intelligente.

Un giorno, un brutto giorno, la tizia che parla con gli angeli che le ha commissionato un lavoro, sparisce. Da questo momento in poi la vita di Vani si complica… E anche l’amore non è proprio limpido e splendente come sperava.

Di questo libro ho apprezzato molto lo stile snello, veloce, capace di strapparti risate e sorrisi, oltre alle tante citazioni letterarie che a mio avviso hanno dato luce al racconto. Ogni singolo personaggio è ben costruito, e porta avanti tutta la sua umanità, nel bene e nel male.

Anche il finale, mi è piaciuto. Molto. Perché se disgraziatamente Vani si permetteva di perdonare, lui, probabilmente avrei rifiutato l’intero libro.

Capisco, ma non perdono. Ecco, questa è Vani.

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, Alice Basso , Garzanti , 2015

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *