160330_coverpezzetti3d

Pezzetti di cielo, di Marco Maffei

Pezzetti di cielo è una raccolta di ricordi passati narrati con estrema dolcezza, privi di quel pesante cadere del tempo, capaci di risvegliare memorie anche in chi legge. Se conoscete “quella” montagna vi ritroverete a sognarla ad occhi aperti, apparentemente innamorati e dispersi. Di contro, se per vostra sfortuna non siete mai stati suoi ospiti e non avete mai fatto la conoscenza della signora, allora non potrete più farne a meno.

IXovZ2XPDTHx_s4-mb

L’intelligenza razionale e l’intelligenza emotiva, di Lidia Fogarolo

Schietta, incapace di perdesi in inutili frivolezze, concisa eppure densa come non mai, la nuova fatica di Lidia Fogarolo interroga le intelligenze dell’essere umano e lo fa con uno sguardo di assoluta comprensione sia nei confronti dei tratti geniali che, e soprattutto, in quei dettagli che spesso la nostra società etichetta come difetti, ma che fanno parte dell’io, e arricchiscono la vita.

Shiatsu per un armonico sviluppo dei nostri ragazzi

Shiatsu. Per un armonico sviluppo dei nostri ragazzi, di Marisa Fogarollo e Giuseppina Morrone

Shiatsu. Per un armonico sviluppo dei nostri ragazzi, di Marisa Fogarollo e Giuseppina Morrone risponde a un esigenza, presta attenzione a quel sussurro del ragazzo/a che non parla ma si ingobbisce, o si chiude, o ancora ingrassa, dimagrisce. Piccoli squilibri, piccole richieste d’aiuto difficile da cogliere (sempre dai genitori sufficientemente buoni).

domenica

Il pranzo della domenica, progetto relazionale di Settima Onda

Il pranzo della domenica (a tavola si sta seduti), è un progetto relazionale, e già qui a mio avviso ha vinto: relazionale. Oggi, con tutto questo relazionarsi via web questi signori, geniali, ci presentano un volume interamente dedicato all’importanza colloquiale del pranzo della domenica. Lo stare assieme, chiacchierare, condividere pensieri e riflessioni. L’amarsi, e anche l’odiarsi (siamo sinceri, è molto difficile trovare famiglie sempre serene, ma alla fine anche le liti fanno parte dello stare assieme).

L’amante giapponese, di Isabel Allende

La vecchiaia si presenta inesorabile, e con lei i ricordi, la famiglia, le occasioni mancate e le paure, ma la sensazione è quel troppo, troppa sfiga, scusate il francesismo; ma se da un lato scopriamo i campi di concentramento americani per i giapponesi, dopo l’attacco a Pearl Harbor, le grande battaglie di quell’epoca vengono appena sfiorate: omosessualità, AIDS, differenze di classe, razzismo.