Ossa fredde, di A. J. Cross. Finale caotico, ma …

ossa freddeSe siete degli amanti della serie C.S.I o Bones, o una delle tante saghe televisive dove il killer è un super psicopatico e chi da la caccia al killer un super buono, allora troverete la lettura di Ossa fredde, A. J. Cross , Giunti editore, un libro rilassante. Non fraintendete, morti e panico ce n’è per tutti, ma la trama è molto pulita e non ci sono colpi di scena. Niente palpitazioni, insomma, una storia, un pazzo e una dottoressa, poliziotti buoni e poliziotti cattivi, mariti disgraziati e figlie adolescenti nella norma.

Punti pro: la storia regge, i personaggi sono ben definiti, il libro si fa leggere volentieri.

Punti contro: a tratti noioso, e il finale non è affatto un colpo di scena, non pensate di esclamare un “non me lo aspettavo proprio” seguito da “ma da?! è lui il cattivo!” . In realtà il romanzo vorrebbe, ma non ci riesce. Le ultime pagine, pur accelerando il ritmo, ritrovano il lettore corrucciato, con un grande punto di domanda stampato in fronte mentre pensa” e chi sarebbe sto tipo?”

A mio avviso  il favoloso colpo di scena non è affatto facile, e cercarlo a tutti i costi rischia di adattare la storia a pretese narrative che non appartengono a chi scrive.

In Ossa fredde il finale sembra scritto da altri, recuperato in fretta e furia e appiccicato perché bene o male un romanzo deve finire. Non ci sono indizi, o meglio ci sono troppi indizi, molti assolutamente inutili. Devo ammettere che disseminare il romanzo di dettagli utili a chi legge per capire da solo chi è il cattivo non è affatto facile, un arte da affinare. Un arte di pochi.

Eppure l’autrice mi ha incuriosita, e credo che leggerò anche i suoi prossimi lavori, le basi ci sono e a mio avviso un buon thriller aspetta solo la storia giusta per prendere forma, e stupirci anche nel finale.

Titolo : Ossa fredde

Autore:  A. J. Cross

Traduttore: Annalisa Di Liddo

Editore: Giunti

Anno: 2012

Prezzo: € 12.90

 

 

Giunti Editore presenta il nuovo libro di Simona Baldelli: Il tempo bambino

Il tempo bambinoComunicato Stampa: Giunti Editore presenta il nuovo libro di Simona Baldelli: Il tempo bambino

È  una prova d’eccezione – un’opera estrema che usa al limite gli strumenti del narratore, con nozione di stile e caratterizzata da un profondissimo scavo psicologico- questo nuovo lavoro di Simona Baldelli. Storia  alle prese con una materia delicata: l’infanzia.

E se è vero che c’è un’età dell’oro – spazio e tempo in cui, di solito, i bambini avvicinano il mondo: universo di persone e sentimenti, aspettative e sogni, in cui  le paure diventano sicurezze  – è vero pure che esistono  anche i buchi neri – bui di cattiveria e di malvagità – a segnare e ferire il percorso di molti piccoli.

Il nuovo protagonista  dell’autrice – che, solo molto tardi, nella narrazione, scopriremo ha nome Mr. Giovedì – si chiama come un bambino ma ha un corpo da adulto. Ha attraversato un passato lento, così lento che non è ancora finito, tanto da non diventare grande mai.

È , insomma, uno strano-adulto-bambino, Mr. Giovedì, che, però, ha imparato a dominarlo, il tempo. L’ha tagliato, sminuzzato, pesato e stimato. Aggiusta e ricostruisce orologi, chiuso in una grande casa dove memorie e presenze della sua oscura età dell’oro lo inseguono.  Mr. Giovedì ha ancora paura del buio e conosce il significato della parola dolore.

E poi c’è la Regina, che è ancora piccola, anche se vorrebbe sembrare più grande. E lei, invece, vorrebbe che il tempo corresse veloce. Noi non sappiamo se la Regina ha abitato uno spazio amorevole oppure no.

Un giorno, però, i due si incontrano, fuori dal tempo che noi conosciamo, diverso da quello che abbiamo imparato a sezionare in ore, minuti e secondi.

Continue reading Giunti Editore presenta il nuovo libro di Simona Baldelli: Il tempo bambino