Tag Archives: Grafologia e sessualità

Grafologia e sessualità, di Lidia Fogarolo. Recensione

Published by:

grafologia-e-sessualita-241706La grafologia è una scienza, si lo sottolineo a mio avviso si tratta di una scienza anche se priva oggi dei riconoscimenti adeguati, difficile, capace di appassionare e contemporaneamente di spiazzare i più scettici. Considerando che l’analisi grafologica in altri paesi, come la Francia, viene usata dalle aziende per selezionare il personale, si può intuire quanta attenzione dovrebbe meritare la complicata analisi grafologica di qualsiasi individuo.

Lidia Fogarolo aveva già ampiamente dimostrato le sue doti di chiarezza espositiva “per tutti” con il saggio Perché gli opposti si attraggono e i simili si comprendono? sempre per la Graphe.it edizioni. L’autrice oggi torna nelle libreria nazionali con un secondo saggio, decisamente più corposo e impegnativo: Grafologia e sessualità. Un’analisi psicologica, sociale e culturale del comportamento sessuale. Il volume analizza scritture dei grandi, come Napoleone e Hitler, per analizzare comportamenti sessuali, atteggiamenti, aspettative, dalla normalità alle patologie. La psicologa e grafologa Lidia Fogarolo descrive con estrema chiarezza come l’attrazione sessuale, e tutti i comportamenti che rientrano nella sfera sessuale e affettiva dell’individuo, possa modificare la personalità e quindi la grafia del soggetto. Ovviamente gli esempi sono evidenti e eclatanti oltre che storicamente famosi, in questo modo chi legge riesce a collegare segni grafologi a particolari evidenti del carattere del soggetto, spesso descritti in biografie e libri di storia.

Quando la psicologia, e perciò anche la grafologia, analizza le varie dimensioni dell’essere umano, siano esse intellettive o affettive, lo fa partendo da questo assunto:
comportamenti apparentemente simili possono attingere da una vastità di possibili cause e rispondere a svariate motivazioni. Perfino il comportamento sessuale,
per quanto possa sembrare saldamente ancorato alla realtà più materiale, risponde a contenuti e rappresentazioni assai diversificati.

Arricchendo lo scritto di ricerche scientifiche nel campo della psicologia e della neuroscienza, l’autrice entra nel profondo significato del segno utilizzando la grafologia morettiana per sottolineare ad esempio come personalità passionali, segni slanciata e scattante, si differenziano in maniera netta da personalità languide, segno pendente; o personalità legate alla materia si distacchino da chi tende a intenerirsi, anche a livello erotico.

Continue reading