Adulterio di Paulo Coelho. Amore senza passione, sesso senza desiderio.

adulterioSto cercando da giorni di capire il perché del successo dell’ultimo libro di Paolo Coelho, oltre alla già raggiunta fama cerco e mi interrogo sulle segnalazioni positive, i post entusiasti in rete, e la sua presenza onnipresente su tutte le liste dedicate ai libri da leggere d’estate. Contemporaneamente, mi interrogo sul dove ho perso la tanto decantata passione, perché, davvero, anche se non sono nemmeno riuscita a terminare la lettura del libro, io di passione non ne ho trovata. Nemmeno un briciolo.

Ma andiamo con ordine, Adulterio narra l’insofferenza di una giovane donna, una trentenne che a parere dell’autore dovrebbe ritenersi molto soddisfatta della sua vita, ricca, amata, felicemente sposata, un paio di pargoli, bella casa, bel lavoro, bel marito, bei vestiti. Eppure questa disgraziata donna pensa bene di cadere in depressione che, sempre secondo l’autore. è oggi un male psichico comune nelle deboli donne. La disgraziata trova sollievo in un vecchio amore dimenticato, a sua volta uomo di successo, ricco, potente ecc. ecc. e con lui inizia una lussuriosa, ma nemmeno tanto, storia di sesso.

Tra pompini gratuiti, sensi di colpa, depressioni galoppanti, e tanti, troppi, stereotipi, la lettura di Adulterio è a mio parere una fastidiosa interpretazione maschile sui complicati, e per lui certo non chiari, sentimenti femminili.

Per dovere vorrei sottolineare che non è vero che la depressione è una malattia femminile, semplicemente la psicoanalisi è stata creata dall’uomo incapace di capire la donna e ancora oggi alcune convinzioni faticano a crollare. E, non è vero che una donna ricca deve per forza di cose essere anche felice, solitamente i rapporti umani si distinguono per complicata realtà.

Continue reading Adulterio di Paulo Coelho. Amore senza passione, sesso senza desiderio.